.
Annunci online

  AZOR La Resistenza "incompiuta" di un comandante partigiano
 
Diario
 


Simonazzi Daniela Anna
AZOR
La Resistenza "incompiuta"
di un comandante partigiano



AGE editrice- Reggio Emilia, 2004


per contatti,informazioni,
e reperibilità:

danielasimonazzi@alice.it

per librerie:

UVER Reggio Emilia
tel 0522.555063
fax 0522.554365

magazzinouver@tin.it



22 febbraio 2006

Il Giornale di Reggio 29 gennaio 2006


 

Il 29 gennaio 1926 nasceva  Giorgio Morelli “Il Solitario” , una figura esemplare della nostra Resistenza , il primo ad entrare in Reggio liberata con il tricolore al collo e gli occhi luccicanti di commozione .  Raffinato e  coraggioso giornalista  ha  creduto fino all’ ultimo giorno della sua vita  nella libertà e nella giustizia tra gli uomini.

Fu tra i primi ad impegnarsi nella lotta contro il nazifascismo attraverso la pubblicazione dei “Fogli Tricolore”, ciclostilati  che circolavano clandestinamente  in città già  dal settembre ’43 e rappresentavano un’audace controinformazione rispetto alla stampa fascista .

Lo ricordiamo per la tenacia e la fermezza che lo fecero diventare il  giornalista di spicco de  La Nuova Penna” .

“Chi legge i suoi articoli conosce lui”  scriverà la redazione dopo la sua morte prematura avvenuta a seguito di un attentato  la vigilia del suo ventesimo compleanno, sessant’anni fa.

Stava scrivendo una serie di articoli per far luce sull’uccisione dell’amico “Azor”.

Questa intimidazione però non fermò la sua battaglia per la verità . Continuò a scrivere articoli di denuncia, l’ “Inchiesta sui delitti”,  dove chiedeva giustizia per le uccisioni che stavano infangando il nome della Resistenza.

Dopo il caso Azor si occupò delle vicende di: don Iemmi , Vischi, don Pessina, Farri, Ferioli, Lasagni, Menozzi, Cipriani, Verderi, Montanari, don Ilariucci…

Sollecitò per primo un “Chi sa parli” per far luce sui  motivi dei delitti e perchè si ritrovassero i corpi delle vittime, con l’unico scopo di difendere i valori che avevano animato la Resistenza.

Credeva poi nell’arte e nella cultura come strumento di crescita morale ed umana : il teatro e la musica erano le sue passioni . Dopo la rappresentazione de la “ Piccola Città” di Wilder, interpretata da Valli , Cavicchioni e Degani scrisse: “…è stato un tentativo o l’inizio di un vero risveglio dell’arte? S’è cominciato col teatro ma si deve continuare col cinema e con la letteratura . A tutti i costi…”

Benedetto XVI nel suo messaggio ai giornalisti ha sottolineato che: “la comunicazione autentica esige coraggio e risolutezza”, questo ci dice quanto moderna ed attuale  sia l’impronta che Giorgio ha lasciato . La sua fede e la sua coerenza cristiana lo hanno sostenuto nel promuovere la pace da vero protagonista  .  Prima di morire lanciò il suo ultimo messaggio  : “ So di essere in pace con gli uomini e con Dio. Non odio nessuno”. Poi  chiese di essere sepolto senza sfarzo nella quiete di un  cimitero di montagna  umile e  solitario,  com’era lui .

“Il Solitario sarà sempre fra noi” scrissero gli amici . Ancora oggi chiunque può cogliere l’eredità morale e il valore umano che il Solitario ha saputo trasmettere con tanta forza e  coraggio .

 
 Grazie Giorgio.

 

Daniela Anna Simonazzi




permalink | inviato da il 22/2/2006 alle 21:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

sfoglia     agosto        maggio
 

 rubriche

Diario
Hanno scritto
Appunti

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

la nuova penna

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom